giovedì 2 febbraio 2012

bisogna esser matti

Oppure molto molto sani. Fatto sta che stamattina la voglia di uscire non era contenibile, vuoi perché mi sentivo bene, vuoi perché i dolori sono spariti (non ci illudiamo comunque), vuoi perché mi trovavo a casa dei suoceri fuori Milano (terreno vergine), vuoi perché la neve scendeva copiosa. 8,5 km di lento, stando molto attendo a non scivolare ma al contempo godendomi i fiocchi addosso, in faccia, negli occhi, la neve fresca da seguire per avere più grip, le persone che aspettano il bus per Cologno e che è evidente che ti vedono come un marziano. Impagabile, al di là dell'efficacia dell'allenamento. Fino a che ci sarà la neve del resto non si può pretendere molto, accontentiamoci del lato sportivo e beneficiamo di quello turistico.

3 commenti:

kaiale ha detto...

dai che in fondo è bello
domani toccherà a me correr sotto la neve ;)

federico vecchiarelli ha detto...

sono certo che ti divertirai, al di là dei risultati :-)

nicolap ha detto...

Cologno Svedese, per una volta :-)